Monday, May 03, 2010

Posta Elettronica Certificata (PEC) - conosciamola un pò


 E' partita in questi giorni l'attività del servizio di Posta Elettronica Certificata (PEC) messo a disposizione dal Ministero della Pubblica Amministrazione e dell'Innovazione,un'innovazione di cui si parla da numerosi anni che dovrebbe,in teoria,semplificare e di molto la vita dei cittadini...

 Che cosa è la PEC ?? Una casella Postale Elettronica Certificata,in cui l'identità del titolare è garantita da un determinata procedura,così come l'invio,ed inoltre il contenuto del messaggio è opponibile a terzi ( Definizione di PEC) la PEC è obbligatoria per i liberi professionisti e quindi era molto attesa l'annuncio del Ministero della PA.

 La Posta Elettronica Certificata (PEC)  consente  ai cittadini maggiorenni di inviare e ricevere in formato elettronico messaggi di testo e allegati, che hanno lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno,  e quindi permette certamente di abbattere molti costi ma,ed è stata questa la prima sorpresa negativa,la PEC messa a disposizione dal Ministero non svolge la stessa funzione,verso i privati.
e questo è un suo primo importante limite.

 Altri limiti però stanno emergendo già in questa prima fase come ha evidenziato Punto informatico in un suo articolo,limiti anche organizzativi. Fra questi il più grave - e il più incredibile,quello che inficia il valore stesso della PEC governativa,stravolgendone l'uso,riducendola,è quello dell'assenza al suo interno della firma digitale...Assenza che ne riduce nettamente il valore presso ogni amministrazione pubblica come ha fatto notare  Massimo Penco, presidente dell'associazione Cittadini di Internet - in un articolo sul Salvagente

 Senza la firma digitale il contenuto della mail non è garantito. Quindi la PEC stessa è inutile.

 Il Ministro della P.A. parla di "Centomila Contatti" forse confondendo i cotatti con il sito con le mail autorizzate,e intanto si accavallano le testimonianze,troppe per essere ignorate,di persone che non solo e non tanto non riescono ad attivare la Mail quanto hanno grossi problemi ad attivare l'intera procedura e una volta attivata la Mail - in effetti in tempi sufficientemente rapidi si riesce ad ottenerla - fanno interessanti scoperte...
 
 Come riporta  Punto informatico
 
Sul sito del quotidiano Il Messaggero è apparsa una lettera inviata da un anonimo "sconcertato cittadino". Che è riuscito "non senza difficoltà ed insistenza" a completare la specifica procedura presso un ufficio postale di Roma. "Alcune ore più tardi ho controllato ed effettivamente la casella di Posta Certificata risultava attivata e funzionante - si legge nella missiva - Ho provato quindi ad inviarmi da un'altra casella di Posta Certificata che (pagando) ho già dovuto attivare alcuni mesi or sono su indicazione del mio ordine professionale, ma ho scoperto che non riuscivo né ad inviare né a ricevere messaggi".

Un servizio così chiuso in sé stesso, che non permetterebbe - a dire dello sconcertato cittadino - l'invio/ricezione di messaggi da indirizzi (pur certificati) esterni al dominio postacertificata.gov.it. "Se le cose non cambiano in futuro sarò costretto a tenerle entrambe (una per la posta fra privati e l'altra per la posta fra me e la PA). Ma non si doveva semplificare?".

 Ai posteri....

Domenico
 
 Debris
 
 The abuse of Greatness Is When Disjoint Remorse From Power  ( Bruto - dal Giulio Cesare di Shakespeare )
 
 http://www.animeclick.it./
 
http://www.gundamuniverse.it/
 
http://www.gundamuniverse.it/blog/
 
 




nome.cognome @... Verifica la disponibilità sui NUOVI domini