Sunday, July 27, 2014

Gaza la guerra dei Tunnel

Il vero oggetto della guerra: in questo video, distribuito dalle forze Israeliane, la distruzione di uno dei tunnel d'attacco di Hamas, il vero oggetto di questa guerra, troppo sottovalutato dai nostri media che si è concentrato sul classico scenario, Palestinesi buoni/ Israeliani cattivi e viceversa.
Sotto la città di gaza, costruita con i soldi, rubati alla popolazione di Gaza, esiste una vera e propria cittadella sotterranea, un reticolo di tunnel posta a grande profondita, oltre 27 metri, per sfugire ai sensori più avanzati. Tunnel ben diversi dai classici tunnel dei contrabbandieri che si sono sempre trovati a Gaza, tunnel ben noti...Questi sono opere indirizzati verso il territorio di israele per assalire, rapire, uccidere civili israeliani, e non ad altro, tunnel le cui entrate come questa operazione ha ampiamente provato sono camuffate sotto istallazioni civili, da ospedali a scuole, a mercati. E' una strategia depravata ( come è stato titolato) quella di Hamas, che non ha molto senso se non quello di terrorizzare il nemico, alimentare l'integralismo ebraico ( su cui si potrebbero scrivere pagine) rinfocolare l'odio...In mezzo il popolo di Gaza, uomini, donne, bambini, neonati e anche non nati, vittime ( "Danni Collaterali" che terribile parola) ,ostaggi ( e anche carnefici) di questa follia.



Vidi un tempo alcuni soldati israeliani, che avevano semplicemente sconfinato, linciati da un gruppo di palestinesi, istigati da chissà chi, all'interno di una stazione di polizia. Pensai che una guerra del genere non sarebbe mai finita se non con un'evento incredibile o con una decisione simile a quella presa alla fine della 2° guerra mondiale...nessuno però ha il coraggio di prenderla questa decisione e imporla. Nessuno.

Takashi Murakami in mostra a Milano: “Arhat”

Prima mostra del "bambino antico" giapponese in uno spazio pubblico italiano.
Arhat” nel buddismo sono le persone perfette, prossime al nirvana, dipinti con cura certosina e alcuni aiuti, da uno dei più famosi artisti nipponici: Takashi Murakami, In questi giorni si possono ammirare nella sala delle Cariatidi di Palazzo Reale a Milano, fino al 7 settembre.

TM311_69 Arhats Beneath the Bodhi Tree, 2013

Oltre a quattro dipinti fino a oltre 10 di larghezza, alcune tele di dimensioni inferiori mostrano alcuni autoritratti dell’artista, che ama rappresentarsi in modo buffo con occhiali tondi, barbetta e capelli raccolti in codino, appoggiato su cumuli di teschi, assolutamente non inquietanti, o su ammassi di materia gassosa.


I lavori del ciclo, come afferma lo stesso autore nella video intervista segnano un vero cambiamento nell'arte dell'autore, nascono dopo il disastro di Fukushima, che ha scosso in modo indelebile il Giappone:



Takashi Murakami 6801 copia




“E’ una grande e piccola mostra montata in tempo record che ci svela la mutazione di Murakami, dopo il 2011, in bambino antico - spiega il curatore Francesco Bonami - è incentrata sul tema dei disastri in Giappone, ed è allestita in uno spazio simbolico che parla dell'ineluttabilità del destino, un luogo bruciato durante la guerra e successivamente andato in rovina. Noi europei non siamo abituati a tener troppo conto del fato, e questa è un'esposizione dove i protagonisti sono dei monaci che vogliono aiutare gli uomini ad andare avanti nelle avversità».
( continua sulle pagine di Repubblica)
In concomitanza con l'esposizione presso l'Apollo spazioCinema un'altra anteprima italiana, il primo lungometraggio live-action prodotto dall'artista "Jellyfish Eyes".

Gallery delle foto della mostra da Flickr
Gallery di Repubblica

Fonti Consultate:
Repubblica.it
Televisionet.TV


Sunday, July 20, 2014

Nasa: fra 20 anni incontreremo gli Alieni...ma intanto a Milano il SIlvio....

Non credo ci sia bisogno di commentare oltre.

Rodotà: la maggioranza è sorda ( e Cecata)

La via maestra. Manifestazione in difesa della Costituzione

Il profesor Stefano Rodotà così commentava i primi scontri al senato sulle cosiddette "riforme" della Carta Costituzionale realizzate da una magioranza sorda ( e CECATA, aggiungo io)
Ma chi ascolta Rodotà ?

Dopo l incidente la Russia cambia. SI parla di pace

Dal sacrificio dei 289 passegeri dell'aereo - quanti bambini - verrà una speranza di pace ?

Dopo l'abbattimento dell'aereo della Malaysia Airlines sembra che l'atteggiamento dei Media russi, e della stesso Vladimir Putin, inizi a cambiare...Fino ad ora il Rais di Mosca ha condotto il gioco in Ucraina, grazie anche alla consapevole inet
titudine di alcuni stati europei ( per carità di patria non facciamo nomi ), ed all'absurdum politico di Kiev, ora però il genio potrebbe essere davvero sfuggito dalla bottiglia, in Ucraina come in Medio oriente, dove l'emersione del cosiddetto "Califfato" se crea al momento grandi problemi all'occidente, di cui a Mosca e anche a Pechino si è certamente felici, pone anche un'inquietante interrogativo alla strategia Russa.

Illudiamoci.

Nel video un'analisi del giornalista di Repubblica Lombardozzi

Tuesday, June 24, 2014

WOW Spazio Fumetto: La storia del calcio tra fumetti e figurine


Mentre l'Italia segue con il fiato sospeso le sorti della Nazionale in Brasile, dal 12 giugno al 31 luglio, lo WOW Spazio Fumetto di Milano ospita una mostra davvero speciale dedicata ai "Mondiali di Carta". Un viaggio che traccia la storia dello sport più amato del nostro Paese dagli anni Trenta ad oggi, raccontata da due grandi del fumetto italiano come Paolo Ongaro e Marco Rota e dai mitici album di figurine Panini. Ai nostri microfoni il curatore Franco Dassisti.

Wednesday, June 11, 2014

Mosul: la vigilia di una nuova guerra Irachena?

Gli eventi delle ultime 48 ore con l'assalto di forze Jihadiste dell'ISIS alla città di Mosul nel nord dell'Iraq - a cui si deve aggiungere l'attacco e l'occupazione della città di Tikrit - concretizzano quella che fino ad oggi era solo una minaccia, la possibilità che le forze Jihadiste operanti in Siria e quelle in Iraq unifichino la loro azione ed i territori sotto il proprio controllo creando il nucleo di quello che da sempre è l'obbiettivo di queste forze: il Nuovo Califfato..
L'Iraq del nord è un'area a rischio, sotto il nominale controllo dell'Iraq in effetti è un'area in cui predomina l'etnia Curda, a forte tentazioni secessioniste, ma è anche una delle aree petrolifere più importanti dello stato.
Mosul ( Prophet Younis Mosque )

L'ISIS sembra essere riuscito ad imporre, per ora la sua forza.

Non casualmente sono ben 500.000 mila i cittadini in fuga ed i Jihadisti hanno cominciato subito a bruciare i pozzi.
La Turchia, che confina direttamente sia con Siria che con queste zone, ha chiesto una rapida riunione operativa della NATO. Siamo alla vigilia di una nuova guerra Irachena??

Monday, June 09, 2014

Buon Compleanno Stupendo Papero! :-)

Buon Compleanno Paperino!!! Perdonerai se un pò in ritardo ^__^
80th CompleDonald
Paperino alias Paperinik, alias P.K. alias D.D., festeggia ( riposandosi sull'amaca dagli sforzi necesari per sostenere la sua triplice, o quadruplice ?? identità) i suoi 80 anni di storia, da quel 9 giugno 1934 in cui esordì all'interno del cortometraggio «The Wise Little Hen» (La gallinella saggia), le prime pagine a fumetti risalgono solo al 13 settembre dello stesso anno (in tavole domenicali disegnate da Al Taliaferro) ed otterrà una sua striscia quotidiana soltanto nel 1936.
Molte le iniziative in Italia fra le quali un numero speciale del Magazine, con una cover ispirata al mitico corto Steamboat Willie, tutto dedicato ad uno dei nipoti più famosi al mondo, contenente tantissimi omaggi di disegnatori italiani potete vederne alcune pagine qui.
Inoltre è stato proposto un volume speciale Paperino 80 anni Insieme, analogo come qualita e interesse delle storie - purtroppo non come prezzo, lievitato a ben 29.99 euro - al volume dello scorso anno dedicato a Topolino.

"Il luogo delle fragole" e "Arance e Martello": il cinema torna al mercato

Stà facendo il tutto esaurito nei cinema torinesi - pur non avendo un distributore - il film Documentario della regista spagnola Maite Vitoria Daneris, intitolato: El lugar de las fresas ( Il luogo delle fragole) ed insieme ad un'altro film realizzato dal bloggher Diego Bianchi ovvero Zoro, intitolato Arance e Martello, stà facendo rivivere un genere che non si vedeva dai tempi di Aldo Fabrizi e della Magnani, interpreti ello storico "Campo de' fiori"

Le Banane - Mercato di Porta Palazzo (Torino)

Diego Bianchi per "Arance e Martello" ha scelto il mercato di via Orvieto a Roma (zona San Giovanni) stretto tra i lavori per la nuova metropolitana e la sezione del Pd.


Nella calda estate del 2011, in piena era berlusconiana, tra le bancarelle si diffonde la voce che il Comune voglia chiudere il mercato..


Stefano Rodotà: le riforme di Renzi, vecchie e conservatrici

Stefano Rodotà in pochissime parole demolisce le riforme, ma oserei dire demolisce completamente l'idea stessa che abbiano valore riformatrice le proposte di Matteo Renzi e del suo Governo che vogliono colpire e distruggere l'idea stessa di democrazia rappresentativa, modificandola in "altro"

La via maestra. Manifestazione in difesa della Costituzione


Ma chi ascolterà il "vecchio" Rodotà? L'unica opposizione con un minimo di possibilità essendo quella del M5s di proprietà del duo Beppe Grillo e Casaleggio, anche loro impegnatissimi a demolire la Democrazia rappresentativa per correre verso una pletorica, e guidabilissima, "democrazia diretta" via Web? La Via Maestra è la Costituzione, vero, ma nessuno, o troppo pochi, vogliono percorrerla...

Sunday, June 01, 2014

Nikolay Lilin "Ecco cosa succede tra Russia e Ucraina"

Breve ma interessante intervento di Nokolay Lilin sulla crisi Russo - Ucraina che evidenzia alcuni elementi da non dimenticare:
Revolution in Ukraine. 2014

- la necessità di inquadrare questa crisi nella più generale crisi del mondo russo.
- il peso, anche morale, che ha avuto la caduto dell'Unione Sovietica sull'ethos russo, un crollo a causa del quale molti spesso si sono sentiti stranieri in luoghi che consideravano casa propria.
- L'evidenziare il ruolo degli eccessi nazionalisti Ucraini ( che esistono e vanno sempre condannati)

A queste dichiarazioni, purtroppo l'intervista è molto breve, si deve aggiungere che i Media russi, totalmente controllati dal Cremlino oramai, soffiano quotidianamente sul fuoco mai cercando la via mediana.

In questi giorni gli scontri fra le forze Ucraine e i cosiddetti ribelli filorussi si sono accentuati, si contano decine di morti, ed è oramai certo, anche grazie a testimonianze dirette di giornalisti italiani, fra le cui file dobbiamo anche contare la morte del fotografo Andy Rocchelli, che a fianco dei ribelli intervengono mercenari ceceni.

Tuesday, May 27, 2014

Fumettology Seconda Stagione: Rat-Man di Leo Ortolani, il video integrale

Sono andate in onda su Rai 4 le prime due puntate della seconda stagione di Fumettology – I Miti del Fumetto Italiano, il bel programma prodotto da FISH-EYE Digital Video Creation con l'assistenza e la consulenza di Alessio Danesi ( Rw-Lion Comics), i primi due episodi sono stati dedicati a Leo Ortolani ed al suo personaggio simbolo, Rat Man
59 Leo Ortolani
Vi hanno partecipato fra gli altri Marco Lupoi, editore della testata, Andrea Plazzi, curatore, Roberto Recchioni. A seguire i due episodi.
Fumettology: Rai 4
La SECONDA stagione di Fumettology, composta da ben 22 episodi, sempre scritta da Alessio Guerrini e Clarissa Montilla, per la regia di Dario Maran, iniziata il 18 maggio scorso alle 15.30 è più ricca ed articolata della precedente, accanto alle conuete puntate dedicate ai diversi personaggi del fumetto italiano, anche cinque episodi dedicati ad altrettanti autori italiani, non solo ogni puntata dedicata al singolo personagio/autore è diviso in due episodi di 30' minuti, per un totale di un'ora dedicata a ognuno di loro ( nella prima stagione ogni argomento veniva trattato in 30' minuti).
Un'appuntamento imperdibile per tutti i fan del fumetto. Fonte Consultata: Fumettologica